• Luglio 16, 2020

Le fonti di ricavo alternative per gli E-commerce

Le fonti di ricavo alternative per gli E-commerce

Le fonti di ricavo alternative per gli E-commerce 1024 728 DataLit

di Filippo Trocca, Principal di 3rdPlace (gruppo Datrix)

Ogni e-commerce al mondo presenta lo stesso problema: solo una percentuale esigua del traffico al sito (tra l’1% e il 6%) si trasforma in fatturato per l’azienda.  Il traffico rimanente può essere diviso in 3 grandi gruppi:

  1. utenti ad alta probabilità di conversione da ricontattare con attività di remarketing
  2. utenti sensibili a attività immediate di promozione
  3. utenti che non convertiranno mai.

Sfruttando le soluzioni delle tech company del gruppo Datrix, DataLit.AI integra tecnologie e funzionalità per estrarre valore da tutti e tre questi gruppi di utenti.

Come può un e-commerce trasformare in fatturato gli utenti che non acquistano

Grazie al machine learning di DataLysm (tecnologia sviluppata dalla tech company 3rdPlace), DataLit.AI individua gli utenti a più alta probabilità di acquisto e crea liste di  remarketing disponibili per le principali piattaforme di advertising: Google Ads, Facebook Ads, Criteo, Google Display & Video 360

Per i segmenti 2 e 3 DataLit.AI ha sviluppato un motore di raccomandazione attivato da un exit  PopUp intelligente:  il sistema individua i visitatori del sito a più bassa probabilità di convertire e li ingaggia immediatamente proponendo una selezione di prodotti e informazioni per loro potenzialmente interessanti.

L’implementazione è molto semplice: per un e-commerce è sufficiente installare il pixel di DataLysm sul sito Internet. Per esprimersi al meglio ogni modello ha bisogno del tocco della mano esperta: il team di DataLit.AI imposterà il modello individuando quali sono le sezioni del sito più sensibili nel processo di acquisto e impedendo al pop-up di essere mostrato su tali pagine.

Una volta installato il pixel, il sistema mostra il pop-up solo se l’utente sta per abbandonare il sito, in modo da non disturbare la navigazione quando invece l’utente è ancora in fase di studio. Sul sito di un’azienda nostra cliente il pop-up di suggerimento prodotti correlati genera 30.000 Euro di fatturato al mese grazie al motore di raccomandazione.

Il motore di raccomandazione ingaggia l’utente appartenente al secondo gruppo, ma come trasformare gli utenti che non generano alcun fatturato in un’opportunità per il nostro business? All’interno del pop-up viene mostrato un annuncio pubblicitario, completamente secondario rispetto al contenuto suggerito

Questo permette di monetizzare direttamente il solo traffico di utenti non interessati all’e-commerce, escludendo naturalmente concorrenti e categorie sensibili per il business specifico. Un’azienda nostra cliente sta generando tramite il solo annuncio pubblicitario 1500 Euro al mese di ricavi aggiuntivi derivanti dalle impression pubblicitarie: puro margine senza nessun costo.

La soluzione di exit popup è completamente gratuita per l’ecommerce, che può iniziare subito a monetizzare il traffico poco qualificato del proprio sito, migliorando peraltro il conversion rate dello stesso grazie ad un nuovo modo di fare suggestion.

Una nuova fonte di ricavi da advertising per gli e-commerce

Seguire l’esempio di Amazon, Walmart e Lastminute.com

DataLit.AI non ha fatto altro che analizzare i leader del settore e-commerce: Amazon, Walmart e Lastminute.com, i quali hanno sviluppato potenti sistemi di monetizzazione. Le soluzioni da loro ideate naturalmente sono molto personalizzate e prevedono un team dedicato di vendita dell’advertising. Alla base però c’è sempre la considerazione molto semplice già espressa all’inizio dell’articolo: una minima parte delle sessioni di navigazione utenti si trasformano in conversioni (anche gli e-commerce eccellenti hanno tassi di conversione che non superano mai l’8%), mentre la maggior parte non generano introiti. Amazon e gli altri Retailer a loro volta hanno preso spunto da chi monetizza da sempre il traffico, ossia prima di tutti i Publisher, Google e Facebook.

Gli e-commerce possono monetizzare siglando accordi con advertiser terzi o con i propri partner commerciali (leggi i produttori di quanto vendono online) interessati a mostrare pubblicità all’interno dei loro siti e app. Gli ecommerce sono peraltro nella situazione migliore per prendere anche vantaggio dalla dismissione dei cookie di terza parte e fare leva sul valore crescente dei 1st Party Data che, grazie alla informazioni ricavabili dai login e dalle campagne di marketing, hanno in quantità molto più elevata rispetto agli altri.

DataLit.AI è una soluzione per permettere a tutti gli e-commerce di iniziare a sperimentare la data monetization tramite vendita di advertising profilato, a costo zero ed ad impatto nullo sui loro team IT.

Amazon, Walmart e Lastminute.com utilizzano soluzioni di monetizzazione molto profonde.Lastminute è sicuramente l’azienda che più si è spinta avanti ospitando advertising anche in homepage.

Amazon e Walmart hanno iniziato con il motore di ricerca interno, per poi includere l’advertising anche nelle diverse pagine di presentazione prodotti.

Richiedi subito l'Audit gratuito del tuo sito o app!

La semplicità e completezza di DataLit.AI

Inserire i contenuti pubblicitari potrebbe essere impegnativo per il team IT degli ecommerce, perché richiede normalmente modifiche pesanti ai template delle pagine. Il team di DataLit.AI ha voluto semplificare: riconoscendo algoritmicamente le sessioni di abbandono del sito (nelle pagine diverse dal carrello), mostra agli utenti un exit pop-up, contenente una call to action per invogliarlo a rimanere sul sito stesso e un annuncio pubblicitario per monetizzare quel traffico. 

Insieme alla funzionalità di generazione dell’exit pop-up, DataLit.AI offre gli e-commerce anche un recommendation engine per decidere cosa suggerire ai diversi utenti e la possibilità di controllare in modo dettagliato categoria merceologica e brand degli advertiser che possono fare pubblicità sui loro siti.

Datrix Data Breakfast

Le newsletter di approfondimento
del gruppo Datrix

Trend, novità e casi studio sull'applicazione di dati e Intelligenza Artificiale a Marketing & Sales, Investing e Publishing.

Iscriviti subito