• Giugno 28, 2021

Creare contenuti intelligenti con la Content Intelligence e i First Party Data

Creare contenuti intelligenti con la Content Intelligence e i First Party Data

Creare contenuti intelligenti con la Content Intelligence e i First Party Data 800 450 DataLit

Nel settore del content marketing professionale, occorre sempre avere le idee ben chiare sul target dei propri contenuti. Creare contenuti senza conoscere il proprio pubblico di destinazione rende infatti estremamente difficile creare qualcosa di davvero coinvolgente. Per valutare la propria target-audience, occorre raccogliere dati ad essa relativi con l’aiuto di piattaforme e strumenti di Content Intelligence. Questa tecnica, nota come First Party Data, è fondamentale per una strategia di marketing aziendale di successo. Gli strumenti di Content Intelligence possono aiutarci a comprendere il contesto e l’effetto sulla produzione di contenuti mirati e a sfruttare i First Party Data in modo ancora più efficace. Si tratta un potenziale tecnologico emergente da sfruttare all’interno del settore del content marketing internazionale, che ha in previsione un aumento del proprio valore da qui alla fine del 2021, raggiungendo la soglia di oltre 400 miliardi di dollari di ricavi all’anno.

In questo articolo, tratteremo e analizzeremo il valore degli strumenti di Content Intelligence basati sull’AI e dei First Party Data per ottenere una strategia di content marketing davvero efficace.

Come sfruttare il potenziale dei First Party Data per la Content Intelligence

Gli esperti di content marketing sanno bene che i First Party Data forniscono il miglior output rispetto a qualsiasi altro tipo di dati. Tuttavia, non tutti dispongono degli strumenti e delle procedure per sfruttare appieno tale potenziale e ricorrono pertanto ai Third Party Data per colmare il gap. Sebbene questi ultimi possano incrementare i nostri sistemi di raccolta dati, non sono però in grado di migliorare la relazione tra cliente e brand.

Al giorno d’oggi la fiducia dei propri clienti è fondamentale, pertanto realizzare dei contenuti personalizzati incentrati sulle esperienze personali, in grado di fidelizzare i clienti, significa avere le giuste competenze per comprendere e soddisfare le loro esigenze e aspettative con una rilevanza logica di 1:1.

In tal caso, i First Party Data sono la base per analizzare i propri clienti, poiché si basano sulle loro esperienze reali con il brand attraverso un’ampia gamma di modelli di acquisto. Sono i dati attraverso cui il cliente ripone la sua fiducia in noi, in cambio dei nostri servizi o prodotti di qualità. Inoltre, è l’unica forma di dati che ci offre la giusta Content Intelligence per percepire, soddisfare e rispondere ai clienti in modo esaustivo e personalizzato.

Sebbene l’utilizzo dei First Party Data per creare pubblicità indirizzata al pubblico non sia certamente un’idea nuova per le norme di conservazione personalizzate, la metodologia per farlo lo è. Grazie allo sviluppo di soluzioni e strumenti di Content Intelligence, gli esperti di marketing sarebbero ora in grado di includere tutti i First Party Data offline e online di un certo brand per raggiungere e attirare clienti reali ovunque essi si trovino nel loro percorso decisionale di acquisto.

Vantaggi degli strumenti di Content Intelligence basati sull’AI 

Tutti gli esperti di content marketing sanno bene quanto siano “data-driven” al giorno d’oggi. Tuttavia, l’utilizzo dei medesimi contenuti è ancora guidato dal nostro istinto e dalla nostra mente. 

Qui di seguito alcuni dei reali vantaggi offerti dagli strumenti di Content Intelligence abilitati all’AI per consentire ai professionisti del marketing di prendere decisioni data-driven in tempo reale.

Call to action giusta al momento giusto

Gli strumenti di Content Intelligence consentono ai professionisti di content marketing di sfruttare i First Party Data e guidare il pubblico target ad una call-to-action ideale utilizzando l’intelligenza artificiale per testare diverse call-to-action visualizzate più volte e mostrare automaticamente quella giusta al momento giusto. L’obiettivo è quello di ottenere risultati desiderati per quanto concerne il coinvolgimento degli utenti, i feedback positivi e le azioni sul sito web.

Tracciare i contenuti più performanti

Le visualizzazioni del sito web e le visite alle pagine sono molto importanti, ma capire quale contenuto porta più risultati nel proprio business è davvero essenziale. Indipendentemente dal fatto che possiamo più o meno indirizzare il coinvolgimento del pubblico, i feedback positivi o la giusta call-to-action, gli strumenti di Content Intelligence basati sull’intelligenza artificiale richiedono automaticamente ai nostri clienti di eseguire attività mirate e di informarci su quali contenuti si possono ottenere risultati efficaci. Una volta che abbiamo tutti i dati a disposizione, possiamo progettare campagne di marketing personalizzate per far schizzare le nostre vendite alle stelle!

Una migliore Customer Experience 

Ottenere risultati concreti nel proprio business non deve avvenire a discapito di perdere clienti o di fornire loro un’esperienza noiosa che li faccia scappare. Per tale motivo sono stati sviluppati strumenti di intelligenza artificiale che permettono agli esperti di content marketing di modificare i contenuti e valutare in tempo reale le preferenze e il gradimento dei clienti rispetto all’esperienza utente. Inoltre, consentono loro di impostare controlli di frequenza che permettano ai clienti di avere ogni volta un’esperienza utente davvero positiva.

Implementare la Content Intelligence nel proprio business 

Nelle sezioni precedenti abbiamo parlato dell’importanza della Content Intelligence e di come i professionisti di marketing possono avere risultati migliori sfruttando i First Party Data. Ma come è possibile implementare una strategia di Content Intelligence nella propria azienda? 

Senza alcun dubbio, gli strumenti di intelligenza artificiale semplificano molti problemi. Tuttavia, implementare l’intelligenza artificiale non è del tutto semplice. Sfruttare la Content Intelligence significa modificare drasticamente le pratiche di content marketing. Implica innanzitutto apprendere il funzionamento degli algoritmi di AI in modo da poter “fidarci” di loro e contare sui suggerimenti che ci danno, dato che tutta la nostra strategia di content marketing sarà appunto basata su di essi. 

Per poter trarre il massimo vantaggio da una piattaforma di Content Intelligence occorre tener presente i seguenti fattori:

  • Valutare i costi attuali e le sfide del proprio content marketing
  • Identificare vari ruoli lavorativi all’interno della propria azienda
  • Modificare le pratiche in chiave brainstorming e di ottimizzazione 
  • Elaborazione, quantificazione, analisi e adattamento

In sostanza, rimanere in linea con i clienti abituali è una vera sfida, poiché essi continuano a cambiare i propri modelli comportamentali e di acquisto nel corso del tempo. Tuttavia, grazie alla tecnologia adeguata e a un sistema di Content Intelligence supportato da First-Party Data come DataLit.AI, scopriremo che il percorso più semplice inizia e finisce proprio con i dati che abbiamo già a nostra disposizione.

Datrix Data Breakfast

Le newsletter di approfondimento
del gruppo Datrix

Trend, novità e casi studio sull'applicazione di dati e Intelligenza Artificiale a Marketing & Sales, Investing e Publishing.

Iscriviti subito